Letteratura Poeti Famosi



Il lungo viaggio.

Il lungo viaggio.

Dimmi mia cara
tu pensi che la vita
sia breve,
no tu farfugli ho visto l’eternità,
ho sfogliato le pagine
del suo esistere,
ho visto mondi e stelle,
sai son desto ora che peccato,
ma son tranquillo,
presto sarò di nuovo li.

O vita mia quanti sperperi,
sogni respinti
e stelle brillanti
ricoperte da veli neri
e avvilenti,
e gli alberi con i loro
rami spogli
son come braccia tese
verso l’alto
in cerca dell’abbraccio
del Dio che non vuole.

Raffaele Feola Balsamo



AMORE E PASSIONE …

Non mi ricordo più la sensazione di quando mi sento tra le tue braccia
la differenza di ogni risveglio è sempre con la costanza del tuo pensiero
e “quel ” buongiorno che ti do con amore mischiato al caffè bollente ….
E poi la notte buona per sognare e togliere tutte le paranoie del giorno che viene
soltanto per riuscire a strappare noi stessi da ciò che fino a ieri ci faceva tremare
a volte sembra tutto perfetto per dare tutto di noi – senza vergogna – .
Ricordati che “” ti amo “” ?
Le mani intrecciate , gli sguardi che puntano al solito approdo con carezze e baci
ed è la vita che ci invita ad andare avanti , a volte cerchi di d’ essere un tenero amante ,
ma pure se non parli io ti sento e intanto mi stringi forte il collo respirando piano
io rimango contenta , sono felice e so’ sincera in tutto come tu lo sei per me .
La cosa bella dei sogni a occhi aperti è che lì , ci fai entrare chi vuoi “” e tu sei unico nei miei occhi “” Che voglia di riempirmi gli occhi di te ogni giorno che passa , in ogni ora che fugge e va via ,
c’è tanto di te e di me in questi respiri che ci fanno complici ed è bello ,
bello pensare , bello amarti , bello di vivere accanto a te “” sei unico “” …
a volte vuoi mettere un abbraccio con malinconie che si riconoscono e si abbracciano con sorrisi ,
nella fantasia di noi due sono fasi in cui ci pensiamo ma non li descriviamo ,
il trucco è osservare le cose da lontano e percepire le emozioni da molto vicino e
. se ogni volta mi togli il fiato e le parole di bocca per catturare i miei baci ….
poi ci siamo solo noi che ci conosciamo abbastanza bene , ma non abbastanza di niente e di niente ,
ci sono giorni dove è facile farsi scavare dentro da un ricordo . intanto si muore per amore , del nostro amore .
A volte mi hai raccontato alcune bugie che sono dei veri capolavori di creatività , reali e fantasiosi “” e mi piacevi “”
ho mille difetti ma son più brava a rimare che allontanarmi e dove mi rimane il canto come unico vestito
sulla mia pelle cosparso di baci e carezze che mi fanno morire d’ amore …
In un mondo di pene senza sirene il pericolo vero è non conoscere , il pericolo vero e ignorare ,
il pericolo vero e girarsi dall’altra parte , alcune persone attraversano la nostra vita come stelle cadenti
e si portano via i nostri desideri , ci svegliami a dei mattini in cui non è ancora cambiato nulla durante il sonno e riponi fiducia nel gorgoglio della caffettiera tra le mie braccia , abbiamo negli occhi tutti i nostri sogni infranti.
L ’innamoramento è un teatrino ,l ’amore è una decisione , e la passione che ci attrae e chiama altra passione
che ad incantarci è sempre chi vibra di vita. , una grande passione ci cambia inevitabilmente ,
il trucco è osservare le cose da lontano e percepire le emozioni da molto vicino ed è quello che noi sentiamo
perché l’ amore che è in noi non può morire senza un perchè plausibile ….
Ti amo …tu mi ami …e non c’è un perchè plausibile a tutto ciò che c’è nei nostri cuori !!!!
carmine16….10/10/2018



UN LETTO NON TUO .

È la distanza che mi basta percorrere quando
ti dormo accanto per ritrovarmi addosso a te ,
notti profumate di sogni ;
notti cariche del forte odore di sesso ;
notti pregne dell’acre odore di sudore
e tu ti ritrovi nel vuoto scomodo di un letto non tuo ,
e niente , oltre il niente solo silenzio ,
ah.. quella dolce nostalgia che ti dà il profumo
e ti ricordi di quand’ erè bellissimo cambiare ,
bellissimo. cambiare tutto, da sempre .
e rimani fedele solo a te stesso , ah no !
No ! Non solo …..
È anche il pensiero va ,
ma la tua vita è tutto che va ,
che è solo un ricordo di tutto e niente .
Hai cercato giorno per giorno
la bellezza perfetta che non t’incanta ,
che in ogni nota in sé non dice nulla ,
così la bellezza di una nota
creano una melodia nella mente
e ora ti ritrovi nel silenzio scomodo di un letto non tuo ,
la vita ti sfuggiva dalle mani fin quando
non hai incontrato lei ,
ed era tutto così perfettamente sbagliato
da non poterne più fare a meno ,
e dicevi “” Non voglio perderti:
mi sei mancata troppo a lungo quando non c’eri ,
quando non ti conoscevo ancora , ma ti desideravo
e non ero l’unico a non volerti perderti ,
vieni qui e perdiamoci
nella mia favola dove ho messo pure il tuo amore “”
C ‘è nella delicatezza, nel sentire senza dire ,
nello stare accanto senza imporsi ,
e senza preavviso né precauzioni
senza amore ti ritrovi svuotato scomodo di un letto non tuo ,
che la notte vi sia tempesta o no non importa
i sinonimi del piacere non bussano ,
penetrano nell’anima con le dovute autorizzazioni
ti travolgono e ti imprigionano nella gelosia
e questo è tutto ciò che sai
e non puoi più vivere in una favola
senza re e regine ,
solo il silenzio è chiaro e inequivocabile.
dove l’amore urla e non sa stare muto .
c’è un tempo per ogni cosa ,
ma il tempo per amare , quello c’è sempre ,
il cuore a pezzi ti ritrovi senza pensieri scomodo in un letto non tuo …….

carmine16……14/09/2018



Finalmente il silenzio.

Finalmente il silenzio.

Il fuoco non sgorga più
dai flutti incandescenti,
lacrime sparse qua e là,
abbracci floscidi e irreverenti,
dai non ti bacio sulla bocca,
non posso, ma ti ho amata.

Non essere triste
conservo ancora
qualche brivido,
giace qui nel cuore,
quando il silenzioso
sonno stuzzica i ricordi
accartoccio il corpo
e ripongo la tua foto
nel sacrario dei sentimenti.

Non ridere più di me,
che vuoi che sia
un laconico amore,
solo tristezza,
ora ho solo anima,
ho smarrito il corpo,
amarti è stato come
issarsi su una corda invisibile
per raggiungere il cosmo
della misera frugalità,
dei sentimenti irritanti.

Raffaele Feola Balsamo



NEL RITMO DEL PIANTO SCROSCIANTE

È il tramonto…..

 

Si raccolgono le nuvole

aspettando la luna.

 

Due rintocchi di campana

rimbalzano nel mormorio della pioggia.

 

L’umida oscurità

invade le stanze colme di un grido straziato.

 

Precipitano gli uccelli

nell’ultima sferzata del vento che irride e rompe.

 

Dense ombre anneriscono

gli angoli del tempio e le corde del canto.

 

La piena porta con sé

i fiori divelti e recisi nel profondo.

 

Arretra il passo

nel ritmo del pianto scrosciante.

 

È il caos…..

 

08.10.2018 Ciro Sorrentino



Segni inequivocabili.

Segni inequivocabili.

Segni inequivocabili
sulla mia schiena
percosse e piaghe,
nella mia memoria
solo afflizioni e dolore,
ma non siamo avversi
mio destino,
tu mi percuoti ma siamo
costretti alla convivenza.

Sommersi da inquietanti
e superflui amori tristi
e come meta solo declini
irrimediabilmente
malinconici e dolorosi.

La vita che vita
si conosce l’inizio
ma non la fine,
che importa tu amami
e conducimi nell’eternita’.

Raffaele Feola Balsamo