Letteratura Poeti Famosi



L’Anima.

Feola Raffaele

L’anima

L’anima è allegra,
lieta nella sua digressione,
piange raramente
e si affligge poco, ma irrita,
e prende quel che vuole.

Io testardo non voglio
e mi oppongo e la ferisco
con il mio orgoglio.

Sanguina ma poi rifiorisce
e sorride perché ella sa
di essere perpetua.

Il mio corpo bluffa di non
sapere e si allontana,
egli teme l’ anima
che non condivide
il suo spasmo e il suo soffrire.

La mia materia fugge
veloce con il capo
riverso all’ingiù ed
osserva i cenci che ricoprono
la figura opaca e trasandata,
del suo aspetto e spesso
ciò crea livore poiché
l’anima si cela in esso,
e si appartengono
nel bene e nel male.

Raffaele Feola.



23- Speranze. 24- Rabbia educativa.

giamacista

23

Dolori e speranze
noie e pentimenti.

Soluzioni per l’arredamento
della casa.

Gente che coinvolge la famiglia
nei difficili affari dell’amore
per una donna.

24

Cortesia e benessere
cena con la fidanzata
rabbia educativa.

Educazione al sesso
sentimento giovanile
corre per dimenticare.

Donna galante sempre
accesa soddisfatta.



Poter dire e tacere.

Feola Raffaele

Poter dire e tacer,
ma dai, son sintomi,
non devi pensar che Dio
non ha fatto le cose giuste,
ha solo dato un piccolo
vantaggio a chi non comprende
il male e il bene.

Sii fiducioso,io ho quasi capito
e son già santo, tu provaci,
il non aver aver pazienza
e come brancolare nel buio
e non sarai mai un servitore
della messa, dai non è difficile.

Tu non mi credi,
ebbene sposta le nuvole
e guarda,
vedrai tante anime
col camice bianco,
girano e sorridono
e dicono sempre si,
e hanno un pasto
caldo tutti i giorni,
qualche volta anche
loro son sfortunati,
succede che la morte
apparente li riporta
sulla terra, e pensa te che
disastro i loro parenti più prossimi
avranno già speso
tutti i loro risparmi.

Raffaele Feola



Il giovane inganno.

Feola Raffaele

Il giovane inganno

Insensibile fosti a ciò
che ebbi a dirti,
l’amor non è colui
che arriva maldestro
e stanco, con respiri ansiosi,
egli è il correo
degli abbracci rubati
dei sorrisi e delle promesse.

Fra ruderi celati
da folti cespugli
di more rosse e nere,
io prendo e do,
e il frettoloso buio rende
fuggevole il tempo
a noi concesso.

Non temere amore,
le brulle vie del ritorno
son cosparse da
umida brina e
quando esse svaniranno
noi saremo nuovamente
sul sentiero degli abbracci.

Il lasciarci ci cosparge
di melancolia,
e il tuo volto
carico di spasimo,
si cela fra
i ricchi sguardi
che la tua giovine esistenza
ne pretende la spettanza
con armonioso slancio.

Nel giunger nella mia dimora
mai più ebbi di portar acqua
alla tenera pianta
che divenne mia,
dopo mille e mille attenzioni,
mai più osai accogliere
il rifugiante sguazzo
di un sole
opaco e irritante,
le stagioni seppur ferite
non giunsero più,
e colei che ordiva amore e
prime volte,
altri non fu
che una menzognera
e irrilevante illusione.

Raffaele Feola.



21- Dolci dolori. 22- Reali.

giamacista

21

Dolci dolori
nuove emozioni.

Metodi geniali
affare da poco.

Identità segreta
prova diffidente.

22

Reali soddisfatti
uomini illusi
cordiali.

Esaudite le dicerie
siamo usciti
anni preoccupanti.

Genitori in collera
prova che smetisce
misura persuasiva.



19- Nuovo accordo. 20- Storie segrete.

giamacista

19

Nuovo accordo
lealtà e testardagine
vecchi seduti nelle sedie.

Lavoro faticoso
fuggire di notte
quando tutti dormono.

Essere imbattibili
nuvole lontane
identità segreta.

20

La mia verità
storie segrete
venti nostalgici.

Spiriti che si elevano
confine inaccessibile
osserva il panorama.

Lotta fra guerrieri
eserciti di ragazzi
donne premurose.