Letteratura Poeti Famosi



Regina dei Cieli // DALLA RACCOLTA “Alla bianca Colomba che è mia Madre”

È l’ora! Con la tua purezza
hai svegliato il cielo
impietrito nella vastità bruciata.

Gli universi si sono colorati
nel rosso battito
delle tue amorevoli ali dorate.

È tutto vero, Mamma!
Sei Tu che doni la vita
all’eternità, nella piena d’infinito.

Amate sorelle, le sue lacrime
sono sfere di luce
che fanno da specchio ai cieli.

Ascoltate! Il suo cuore pulsa
come una sacra stella –
I bagliori vanno in ogni direzione.

Guardate! È in ogni dove –
Porta il suo amore
e la quiete delle gentili carezze.

Cerchiamo! Non La vedete?
Ora è quel chiaro di Luna
che vince le ombre sui vuoti viali.

Non sentite il suo respiro?
Accogliete la brezza
delle notti che precedono l’alba –

Sentirete il suo giovane profumo
che può sciogliere
i nodi dei vostri vacillanti pensieri.

31.03.2019 Ciro Sorrentino

 



La tua anima // DALLA RACCOLTA “Alla bianca Colomba che è mia Madre”

…No, nessun tempo è finito!

Lassù nel cielo,
oltre ogni pianto
sorgeranno i tuoi laghi.

Il tuo sangue
nutrirà le terre
e le ignote spighe dorate.

Del tuo amore
si vestirà il grano
nei vergini campi celesti.

…Oh, Mamma, guarda!!!

I tuoi sorrisi
già nutrono i prati
per le api in cerca di miele.

La tua voce
tuona nel canto
degli uccelli di Marzo.

Le tue lune
sono incanti
di piume tra auree luci.

…No, nessun tempo è finito!

 

30.03.2019 Ciro Sorrentino

 



Il tuo e il mio cuore // DALLA RACCOLTA “Alla bianca Colomba che è mia Madre”

Dalle tue sacre mani
si levò un soffio – 
…La vita
si accese in me
come palpito d’immenso.

La scia delle tue rose
si levò
per unirsi
al fresco profumo
dei mandorli in fiore…

Fissai i tuoi occhi
e vidi…
Ti vidi esultare
come acqua
che tremola alla luce.

…Così saltai con fervore
nella balza
della tua aurora
e mi lanciai
nel tuo sconfinato mare.

Madre…, Madre mia,
la tua anima
è eterno respiro
oltre la folle corsa
dell’orologio del cielo.

…Sei così bella, Mamma,
calice rosa
di teneri petali
dal quale colgo
pure stille di sorgente.

Mi avvicino piano
per non svegliarti…
Un campo di fiori
ti avvolge
come fresca coperta.

Voglio gioire così
…nella tua pace,
e finché il buio
non mi porterà via
Ti guarderò incantato.

Ascoltami…, Mamma,
nella mia voce
risuona il soffio,
l’amorosa brezza
che alzò i nostri aquiloni.

…Dammi la mano, ora,
e seguimi –
Nel mio azzurro
custodirò
la tua anima che è la mia.

28.03.2019 Ciro Sorrentino



Grande il nostro amore.

Grande il nostro amore.

Grande è il nostro amore,
superbo e altezzoso, sincero
e veritiero, e il nostro cuore palpita
con ostinata perseveranza.

A volte son confuso, ma so dire
ciò che il mio animo triste
ascolta, l’urlo di un amore sacro,
eterno e scontroso.

Poi si disfa come neve al sole,
e quanto dolore il suo addio,
resta solo il ricordo di una antica
superba idillica dolce brezza.

Raffaele Feola Balsamo.



Non vita

Non vita.

Vita, tu immersa nei miei pensieri e rappresi concetti non condivisi, ma sono e sarò quella brezza dal colore di madreperla che fugherà i palpiti confusi di un cuore triste. Alzo le mie braccia al cielo e come malandrine ruberanno stelle e luci,
poi più nulla solo un agghiacciante
buio ed un freddo e afflitto silenzio, è l’antitesi di una drammatica fine.

Tanti e poi tanti non udranno il mio cupo strepitare, ma la vita non ci spetta ella è il fardello degli esseri accigliati e tenebrosi ed a nulla serve
raccontare di altri mondi incorrotti e felicemente esultanti.

Raffaele Feola Balsamo.



Il sorriso…, nella tua voce

Donna di vaga bellezza,

dormi con me,

guida il sonno

che sa di cenere

come l’abete

falcidiato per sempre.

 

Dormi con me,

disseta le radici

prima che affondino

nella muta terra

dove albeggia

un drappo senza luce.

 

…Donna di vaga bellezza,

attenderò

l’elettrico brivido

del tuo cuore,

la luce che muove

al rosso il corvino silenzio.

 

…Dormi con me,

ed amami,

amami nel respiro

che doni al vento

quando innalza

le acque e tutte le foglie.

 

02.03.2019 Ciro Sorrentino