Letteratura Poeti Famosi



PICCOLE SFERE dalla raccolta “Sfinge d’Amore”

    Nel tremulo tramonto gli ultimi raggi sfiorano i piatti scogli bagnati da spume che annunciano l’arrivo d’un viso di sale.   Si affrettano gli esseri caduti nel sonno saltano i delfini su pure acque intorno la quiete desidera l’armonia che dona altra speranza.   Si schiudono le conchiglie perlacei sassolini s’illuminano come piccole […]



NELL’ANSA INARCATA dalla raccolta “A Sylvia Plath”

  Specchio del tempo è l’inerte rivo che senza scontro subisce il caldo e il vuoto.   Lampi di pioggia s’intrecciano con l’estiva arsura nel permanente divario.   Si risveglia la vita nelle balze paludose dei gremiti roveti sotto un infuriante diluvio.   Come un giunco esitante nell’ansa inarcata aspetto la tempesta sul caos dei […]



I TUOI TRENT’ANNI dalla raccolta “A Sylvia Plath”

  Ho visto in sogno il tuo spazio arcobaleni e piccole luci tra respiri di policrome foglie.   Libera e senza valigie viaggi nell’ignoto non percorri portici che di vestigia rifulgono.   Lassù hai liberato i tuoi trent’anni in grani d’armonia che sono inesauribile tutto.   E viaggi nell’ignoto senza orpelli né ori non indossi […]



UN DIAFANO BACIO dalla raccolta “A Sylvia Plath”

  Tendo la mano afferro la tua protesa sulla sponda di un lago silente.   Insieme per sempre sulla barca che ci aspetta fissata alla riva germogliante di fiori.   A lungo ti guardo fisso la piuma che sventola tremula farfalla sul cappellino di veli.   Lentamente andiamo assaporiamo fragranze in una conca di sassi […]



CENERI E FUMO dalla raccolta “A Sylvia Plath”

  Nella fuligginosa stasi s’aprono le tue mani e il luccichio del tuo genio.   Con amore versi acqua da trasparenti calici sulle ali nere degli uccelli.   È lampante il tuo fulgore che dissipa le foschie levatesi da ceneri e fumo.   17.12.2014 Ciro Sorrentino Share



NULLITÀ DI ESISTENZE O INEZIE dalla raccolta “A Sylvia Plath”

  I filosofi sono sempre meno o forse preferiscono tacere in mezzo agli ubriachi che negano la deità del creatore.   Eppure gli stravaganti filosofi sono gli unici dèi credibili – folli menestrelli del nume che è irraggiungibile saggezza.   Per quanto resteranno invisibili agli altri e forse a stessi la loro unicità li rende […]