Letteratura Poeti Famosi



Concerto di primavera per Anima e Natura

Pianissimo:

Sinuosa s’insinua l’aurora

Attraverso le nubi ingrigite

Diffuso chiarore rosato.

 

Piano andante:

Nubi sbiancate al sole

Raggi distesi su roridi prati

Punteggiati di boccioli sparsi.

 

Andante con brio:

S’alza teso il vento dell’alba

Tra i verdi canneti fruscianti

Rapidi richiami d’uccelli.

 

Allegretto ma non troppo:

Vette di cirrocumuli maestosi

Scroscio di ruscelli al disgelo

Starnazza l’anitra scuotendo l’ala.

 

Allegro con brio:

Stormi di piume festanti

In germogliare di destati roseti

L’aria turbina tra ginestre fiorite.

 

Piano andante:

Cala il vento immoto lo stelo

S’accosta il disco all’orizzonte

I rondoni aggrediscono il cielo.

 

Pianissimo:

S’acquieta il gregge all’ovile

Al crepuscolo di perla violacea

Gracidio nello stagno e timidi grilli.



Ho scelto te!

ombre_cuoreHo scelto te Amore

si…ti ho scelto

nei momenti difficili…

ti ho scelto

nei giorni sempre uguali…

perche’ ho bisogno di te

e perche’ non posso fingere….

 

L’esigenza d’amare

non si puo’ estinguere,

come il cielo senza il mare…

 

Ho scelto te

perche’ quando siedi al mio

fianco ritorno a vivere…..

 

e perche’ avrei paura a staccarmi

da te…..

 

Mi hai rubato l’anima

ecco perche’ ho scelto Te !



Magica luna.

Mitica Selene,

Dea della Notte,

ritorno come un tempo

a rimirarti,

e ritrovo

il senso di mistero

e quasi di magia,

che mi ispirasti un tempo,

quando bambina

ti osservavo,

pensando al Destino.

Sai emozionarmi ancora.

Donami sogni nuovi,

prima di sparire

dietro la collina.

Domani sarà

un nuovo giorno,

e ritornerai

come ogni notte

a risplendere,

e io ti osserverò

con rinnovato amore.

263449859_aa0e37c3f0_t moon



Vita mia!

        Vita,

sei un mistero….

un rincorrersi di liete

  e tristi melodie….

 

Sei la dolcezza che non ha eta’,

   e ne’ pudore….

 

In te non esiste confine

   tra sogno e realta’,

perche’ sei tenera come

            una madre

     ama la sua prole…

 

    Ti ho respirato su

     panchine assolate

     nella tenerezza di

          un’abbraccio,

 

e nel calore di una carezza,

                   fin quando

il segno del mio tempo ha tracciato

                   nuovi solchi….

li’ dove l’orizzonte si perde e si tinge

                      d’immenso,

           dove tutto si annulla…..

                    eccetto te…che

 mi sproni a pregare…. per non lasciarmi andare!a190c257f867878d2b3028eir0



E..scrivo ancora….

                            L’orologio segna lentamente

                                            Mezzanotte,

                                ed io stanca continuo a

                                  scriver versi che forse….

                                  mai nessuno leggera’.

                                          E’ troppo tardi,

                                 dalla finestra la lucente

                                            luna s’affaccia

                                        concedendomi la

                                             Buona notte…

                                 con le stelle che mi strizzan

                                                gli occhietti,

                                  cercando riparo nell’oscurita’

                                                       della notte.

                                    Riordinando la scrivania,

                                      sommersa di fogli sparsi

                                  e macchiati di tanti colori, lascio

                                           riposar i miei occhi

                                             e i miei pensieri,

                                   trafitti dal malanno del troppo

                                                        pensare.

                                          Domani sara’ un’altro

                                     giorno e quando al primo

                                  raggio di sole, apriro’ gli occhi,

                                       mi aggrappero’ alla mia

                                                unica ancora:

                                                    ” la poesia”,

                                      poiche’ e’ cosi’ dolce sedersi

                                             a scriver versi, in un

                                                        angolo,

                                           rifiutando ogni conforto;

                                        mentre l’estro che rubo alla

                                                           notte

                                        mi guarda dal limitar della

                                                            porta,

                                             fissando i suoi occhi…..

                                                         nei miei !

439304149_9bfaf7ac88

    



Mio fratello

Lascio vagare lo sguardo sul
panorama che faceva da sempre
cornice alla vita.
Come in altri tempi o in viaggio
incalzato dalla fretta e inquietudine
il ricordo corre all’amico e fratello.
All’infanzia, ai giochi all’aperto che
ci univano o messi l’uno contro l’altro.
A quel grande viale con le due piccionaie
che nascondevano l’argine erboso
del rio Maltempo.
A quel giardino d’innocente reo
che Donna Ines donò grata al
ragazzo organista d’animo nobile
e dagli occhi tristi e malinconici.
Sotto il maestoso noce del “don”
confidasti l’amore per lo studio
zeppo di traversie paterne e l’amore
per l’amata che t’apprestavi a raggiungere

e mai raggiunsi.