Pagina 4 di 71234567

Letteratura Poeti Famosi



ASCOLTA CON ME, MAMMA // DALLA RACCOLTA “Alla bianca Colomba che è mia Madre”

Anche una fata, a volte, richiude le sue ali per sentirsi d’un tratto madre.   La mia aveva solo vent’anni quando scelse la vita invece che l’immensa vastità.   Questo ho visto nel tuo viso – un fiume di pensieri precipitati su bianche lenzuola.   Tra le ombre hai riconosciuto le pareti di quel muro […]



Folle e amaro destino.

Folle e amaro destino. Deprimente ed emaciato destino, usurpato del suo diafano disegno ed in una sera odiosa e disgraziata, noi amanti non vogliamo e non possiamo propinarci carezze e inutili giuramenti, troppe astiosita’ nei nostri cuori stantii e ricoperti da falsi gemiti. Avvolgiamoci nell’ultimo abbraccio prima che l’addio del nostro senno faccia il suo […]



Che vuoi destino.

Che vuoi destino. Son flemmatico, che vuoi destino io son come sono, incompreso e dileggiato eppur non soffro, tal privilegio è dedicato ai dolenti, ai martiri dell’ amore e fra mille e più ombre mi destreggio silenzioso e incerto, si incerto che vuoi destino son perplesso e rassegnato. Dimmi tu anima mia se codesti non […]



Donna del peccato.

Donna del peccato. Tu pensi a ciò che ti e dovuto, specchiarti nei miei occhi nel mentre le tue vesti scivolano silenziose nel peccato, ma l’amore è il vero peso che uccide. E quante stelle cadenti giungono senza donare sogni e desideri solo il tuo tenebroso volto mi appare, odioso e arrogante. No non voglio […]



RICORDI DI UN PROSSIMANENTE 

Camminando per la solita strada ho visto un mirage lontano , la fratellanza costruita con pietre di sabbia che il vento portava via nelle sue spire . Ho fatto la spesa e                                                       ho comprato la speranza ,                                                       la meta’ l’ ho donata                                                       a un mendicante                                                       l’ altra meta’ l’ ho tenuta […]



Incantesimi d’amore.

Incantesimi d’amore.   Io sono come un volatile cerco l’arcobaleno e te amor mio immenso. Ma quanto è odioso questo autunno, le foglie non cadono mai e suonano strani arpeggi scosse da un vento imperioso e dispettoso. Una lacrima di pece scorre sul nostro vecchio tronco ove scrivemmo tanto affetto e ‘ci ameremo per sempre’. […]