Pagina 1 di 11

Letteratura Poeti Famosi



Assisi 2004

Entrato son di certo in altra era

lavoro, leggo e scruto la natura

vivo con la famiglia e ben si spera.

I dolori non mi provocano arsura

più non assilla il tempo la mia vita

più non mi riconosco in vita dura

di più qualcuno a leggere m’invita;

Giovanna mi dice che son matto

ed anche ben avviato in dipartita.

Ciò però non mi trova distratto

tranquillo mi sento e pur felice

mi muovo silenzioso come un gatto

prim’attore non sono e manco vice

neppur vedo più la mia persona

ma per nulla m’impegna ciò che dice.

 

Mi dice pure ascoltami e ragiona

che non si vive osservando e leggendo

devi ritrovar chi t’impersona;

intendo ben ciò che mi sta dicendo

distogliermi vorrebbe dalla nuova

ma nella nuova non vado piangendo.

L’anno duemilaquattro mi ritrova

con Giovanna in spirituale crisi

e in quest’agosto caldo l’uovo cova:

per ritrovarci ora insieme ad Assisi

ben ascoltando Ignacio Larranaga

e in seguito rifletterlo dai visi.

È ben che ho riportato vera paga

santo pregare infatti ho qui scoperto

ma per allontanare idolo e daga:

centrato perfetto m’han l’inferto?

 

Dal silenzio impostoci con cura

volando mi ritrovo per l’offerto.

Or di capir la Bibbia mi premura

per dedicarmi così all’orazione;

ma nulla quell’impegno mi procura,

quel libro non mi da soddisfazione,

dicevano che avrebbe respirato

essendo strutturato col polmone.

Quelli tutti quanti avrei legato

come le rane vanno gracidando

pazzi sono e niente han mai provato,

ancor non so che vanno dimostrando;

bella resta la Bibbia ed elegante

ma nulla di quel testo va mutando.

“L ‘ho considerata come amante

ma quel gracidare ho risentito

senza che si muovesse mai un istante

e senza aver mai nulla percepito

mai neppur felice mi sentivo:

dal non aver forse nulla capito.

Per poco allor di testa non uscivo,

circondato com’ero dal pensare

sempre di meno così m’accudivo

allontanandomi anche dal pregare;

dal pregar che prima non pensavo

che forse non potrò più ritrovare… .”

– E’ un percorso

This entry was posted on venerdì, marzo 25th, 2011 at 19:33 and is filed under Poesie D'Amore, poesie personali, Poesie sulla Vita. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Post a Comment




Security Code: