Pagina 1 di 11

Letteratura Poeti Famosi



TEMPO PASSATO E PRESENTE .


Improvvisamente ritorno indietro nel tempo ,
a quando riempivo le pagine dei miei quaderni
di nomi a grandi caratteri in stampatello
con tanti cuori trafitti e gocciolanti ,
ora vedo le incadescenti poesie dei miei
anni migliori e l’ urlo che da essi ribalza
come una palla impazzita nei miei occhi ,
sono un poeta dissacrante che allargo
la mente ottusa della vita per poi cadere
come lame di coltello tagliente nella
mia inconsapevole genialita’ di versi d’ amore .

Sogni che aleggiano intorno al mio corpo ,
inaferrabili , sfuggenti al mio sguardo
nella crudelta ingorda di un sovrana societa’
si intrecciano nelle speranze sfumate come
albe di un trieste e fredoloso inverno ,
monotoni e parole con L’ IO che sghignazza ,
macrabi pensieri aggrovigliati nella mia mente
si attorcigliano e violentantano senza posa
la mia mente di poeta infranto dalla vita .

Un debole invisibile filo , come la tela di un ragno
che mi trascina in viaggi mai vissuti
mi riportano al mio presente senza piu’ rime ,
danzano nel mio intimo versi che non ho scritto ,
volteggianti  soffici e leggeri si alzano nel cielo
su un velo colorato di viole per poi cadere 
su moschee argentate di una antica citta’ d’ oriente ,
e su magiche note fluttuanti del mio cuore
il mio pensiero viene attirato da sentimenti
che portano il profumo di felicita’ .

Soave incoscieza della mia anima
che a sprazzi mi riporta al passato ,
e in me affiorano poesie dimenticate
della mia esistenza , sgorgano fuori
e soggiano all’ avanzare inessorabile del tempo
che soffoca le grida di agonia di un anima ,
di un essere che sprofonda nel presente di una poesia .
       carmelo  ferrè……..17..03..2011

This entry was posted on giovedì, marzo 17th, 2011 at 19:12 and is filed under Poesie Dark. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

1 Commenti

  1. Ciro Sorrentino Scrive:

    Caro amico, finalmente trovo il tempo di leggere con l’attenzione dovuta questa tua nuova poesia.

    Se hai letto le due mie ultime hai certamente capito, e non ho dubbi al riguardo, che avevo l’urgenza di far capire, “in primis”, a una “pinco pallina” qualsiasi che la mia “fata” è la rappresentazione di un mondo a cui lei non può e non potrà mai aderire.

    Su un altro livello mi sono rivolto ad un altro “pinco pallino”, a chi non sa operare un netto distinguo tra prosa e poesia, invitandolo a tacere ma, soprattutto, a non offendere l’immensa grandezza del grande Pirandello con la sua sconnessa “iperbole” comunicativa.

    Ma, mettendo da parte queste riflessioni fatte ad un grande amico e a un vero poeta, è il momento di farti i complimenti per questa tua nuova poesia.

    Mi soffermo con piacere sull’analisi di questo tuo inciso poetico che racchiude, nella musicalità del verso, il sentimento profondo dell’animo e l’urgenza (la volontà) di dire e comunicare non già solo il pensiero, ma l’intima essenza dell’io più segreto e nascosto:

    “allargo la mente ottusa della vita per poi cadere come lame di coltello tagliente nella mia inconsapevole genialità di versi d’amore”.

    La scelta del predicato, “allargo”, presuppone la raggiunta consapevolezza dell’io che si guarda allo specchio e che si riconosce come entità individuale e sociale.

    Si avverte un’aperta scelta e una chiara determinazione della volontà a comprendere (osservare) oltre i confini dell’immediato e banale vissuto: “la mente ottusa della vita”.

    E tale coscienza fornisce all’animo la forza e l’energia di scagliarsi e smascherare (riconoscere), “cadere come lame di coltello tagliente”, una dimensione privata e fantastica, una “genialità di versi d’amore” che per troppo tempo è rimasta sospesa e bloccata nel Limbo dell’incoscienza o dall’ “inconsapevole” volontà di proteggere il proprio mondo interiore dalla voracità di una realtà sociale che offende la vita stessa.

    A presto.

    Con l’affetto di sempre.

    CIRO SORRENTINO

    ... on July marzo 18th, 2011

Post a Comment




Security Code: