Pagina 1 di 11

Letteratura Poeti Famosi



Mio fratello

Lascio vagare lo sguardo sul
panorama che faceva da sempre
cornice alla vita.
Come in altri tempi o in viaggio
incalzato dalla fretta e inquietudine
il ricordo corre all’amico e fratello.
All’infanzia, ai giochi all’aperto che
ci univano o messi l’uno contro l’altro.
A quel grande viale con le due piccionaie
che nascondevano l’argine erboso
del rio Maltempo.
A quel giardino d’innocente reo
che Donna Ines donò grata al
ragazzo organista d’animo nobile
e dagli occhi tristi e malinconici.
Sotto il maestoso noce del “don”
confidasti l’amore per lo studio
zeppo di traversie paterne e l’amore
per l’amata che t’apprestavi a raggiungere

e mai raggiunsi.

This entry was posted on lunedì, settembre 21st, 2009 at 21:02 and is filed under poesie personali. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Post a Comment




Security Code: