Pagina 1 di 11

Letteratura Poeti Famosi



La mia sirena.

La mia sirena.

 

Ricordo il Tuo dolce garbo e poi seppi il tuo nome
mia deliziosa fanciulla, tacqui in cerca di uno schietto
dire per nascondere il mio delizioso imbarazzo,
e il mio volto divenne porporino come rosse bacche.

 

Lontano il mormorio del mare e del vento di ponente,
sbruffi di flutti e leggeri schizzi di acqua densa come vetro,
il tuo nome era Sirena, adescante come un cielo stellato
e il tuo canto soave ingannava il mio confuso cuore.

 

Fuggisti via veloce mio armonioso e amabile essere,
non portavo diletto ne gradevoli sensazioni, solo tormento
e incontrollabile imperizia nel proporti affetto
e condividere con te il triste marasma della mia fine.

 

Raffaele Feola Balsamo.

 

This entry was posted on martedì, luglio 7th, 2020 at 18:47 and is filed under Poesie D'Amore. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Post a Comment




Security Code: