Pagina 1 di 11

Letteratura Poeti Famosi



Il cipresso.

Il cipresso.

Dimmi mia cara,
se ho colto tanto sole
nel campo della vita
perché tu sei ombra e buio,
cosa angustia e cosa
tormenta il tuo cuore,
“io e te per sempre”
scrivemmo su un’ incolpevole
albero, a nulla dunque
valse ferire un innocente?

Dimmi come posso guarire
l’inutile ferita inferta
ad un inerme cipresso,
egli è il generoso testimone
di una promessa,
ma ora sanguina,
il suo è dunque
un inutile sacrificio?

Ho sciolto l’incanto,
che superbia
fu il mio credere,
scappo… scappo
ma son fermo
il destino non tollera,
e rende soli e angosciati
gli amori infelici,
fuggi mia cara
non c’è tempo,
la vita è breve e forse…
forse potrò risorgere
e non sarò più il boia
di un alto cipresso.

Raffaele Feola.

This entry was posted on sabato, settembre 24th, 2016 at 13:20 and is filed under Poesie D'Amore. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Post a Comment




Security Code: