Pagina 1 di 11

Letteratura Poeti Famosi



L’ Addio.

 

L’Addio.

Sfuggo all’ambire che mi tormenta,

e l’amarti mi ha rubato tempo e impeto,

e tu taci in un irrefrenabile silenzio,

è feroce sarà la mia vendetta,

consumerò la luce

e nasconderò ciò che tu mi chiedesti,

comprensione e affetto.

 

Ora giace tutto nell’angolo

più tenebroso del mio cuore,

ma l’ombra del tuo ritorno

mi illude e mi spaventa,

che fare se non alzare

gli occhi al cielo e rubare

al Signore una sola, piccola speranza,

quella di un tuo addio senza angoscia

e senza un inutile rammarico.

 

I martiri del sentimento son fustigati

e le pene loro inflitte son solo le carezze del diavolo,

ma procurano un innocuo dolore scalare mari furiosi,

navigare montagne dalle cime irraggiungibili

son le vere afflizioni che uccidono il respiro della vita.

 

 

Raffaele Feola.

 

.

This entry was posted on giovedì, settembre 1st, 2016 at 09:40 and is filed under Poesie D'Amore. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Post a Comment




Security Code: