Pagina 1 di 11

Letteratura Poeti Famosi



Che strano volto.

Che strano volto.

Il declivio di un principio,
la fine di un concetto,
avvolgo e nascondo,
ma che dire di ombre voraci
e corpi deformi che si rincorrono
e ostentano pace e amore.

Le inebrianti lacrime
dal sapore amaro e poi dolce,
scivolano silenziose su un volto
di pietra bianca che docilmente
sorride e graffia con
mani lunghe e sapienti,
e racimolano con rabbia
i mutevoli soffi sferzanti
e dolorosamente irritanti
di una leggera brezza.

Ecco finalmente una tenue
goccia di rosso sangue che
con vile arroganza, rende reale
un vivere non vivere
e che dire del suo ardire,
mortificante e avvilente,
trascina e coinvolge.

Raffaele Feola

This entry was posted on venerdì, agosto 28th, 2015 at 20:31 and is filed under Poesie D'Amore. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Post a Comment




Security Code: