Pagina 7 di 812345678

Letteratura Poeti Famosi



Aspetta amore … aspetta.

Aspetta amore … aspetta. Ho ucciso quel che resta della mia vita, riverso nel lento oblio piango l’ineluttabile addio del tuo amore. Lampi lontani e brividi, i primi scrosci, l’acqua irrompe e percuote e rattrista, testimone indifferente di uno stringato addio. L’anima fugge scontrosa non vuol carezze solo silenzi, ma non si può il frastuono […]



Insurrezioni

È da molto che spendo i miei giorni tra ragne di buioin fuga dal mio rinchiuso come una volta, domani, seguirò una rotta solare, occhi schivi di donna estranei mi fisseranno trapassandomi il cuore. Ossigenato dai giardini dei cortili circostanti invasivo mi giungerà l’olezzo che si diffonde dai fioriti tralci protesi oltre le infocate ringhiere. […]



Lettera a mia madre nell’aldilà

L’ora che a te mi congiungeràlo sento si fa’ più vicina madrel’attesa della buona venturasperanzosa si erge tra il consumarsidi atri sostanziosi contorni di vuoto.Da quando, tu muta e io in lacrime,ci separammo quante cose sono accadute:molte non le avresti approvatese fossi stata ancora quie ti stupiresti sapendo che fatti impensabilia mitraglia pur mi hanno […]



La ricerca del Verbo in “IL BIANCO VOLTO DI DIO” dalla raccolta “A Sylvia Plath” di Ciro Sorrentino

“IL BIANCO VOLTO DI DIO” dalla raccolta “A Sylvia Plath” di Ciro Sorrentino   Nel tuo nulla astrale sei fiato sullo specchio, l’occhio vigile che fissa il lenzuolo sul rigido corpo.   Come oasi nel deserto disseti l’universo e l’ambiguo mondo nutri della tua scienza.   Va la tua musica per la folla sorda e […]



IL BIANCO VOLTO DI DIO dalla raccolta “A Sylvia Plath”

 Nel tuo nulla astrale  sei fiato sullo specchio,  l’occhio vigile che fissa  il lenzuolo sul rigido corpo.    Come oasi nel deserto  disseti l’universo  e l’ambiguo mondo  nutri della tua scienza.    Va la tua musica  per la folla sorda e cieca  che non sa parlare  che alla gioconda Luna.    Sei indecifrabile fonte  la […]



Gracidano bufonidi

Gracidano bufonidinelle palustri macchie,sui confine dei campibriose gore borbogliano, scalettano gradonideclivi al solebugne e merli lesispiccano sul poggioprima della puntadel brullo monte,ripieno di cibo e vinouna bugnola oscilla sul capo della donnache dirige al podereove sudando si falcia grano maturo e dorato. Cos un quadro agrestedel giorno estivose fossi dove ebbi natalie non qui ora […]