Pagina 5 di 6123456

Letteratura Poeti Famosi



Oh mia primavera!

Dimmi lampeggio di pupilla brunada dove giunge la brezza sottileche amorevole il cuore accarezzae come scosso ramo lo fa tremare?Congedatosi l’uggioso inverno piovosocon nuovi tratteggi e sfumaturedi verde si va ridisegnando la vitacon alacre passo riprende vigore.Altra cromia di filigranate sensazioniravvivano l’errare dello sguardo rapitoor che animula attonita svagatra madreperlacei colori!Oggi non iroso spumeggia il […]



Che dire dell’anima.

   Che dire dell’anima.    I tuoi occhi blu come il mare, effondono bagliori lucenti di mille gemme, ed il tuo volto deterso da un vento lieve di burrasca s’accende di una dolente passione.   Le tue labbra rosse borbottano amplessi e frasi amabili tra silenziosi abbracci, in un fatuo idillio ormai all’epilogo.   Donne avvinte […]



SPARTITO BIANCO – per un giorno speciale di un fratello – Raffaele Feola

La vita senza di te è una notte fredda, amaro veleno,  porta d’eterno nulla.   La storia senza di te attende  – spartito bianco – le tue mani fiorite d’amore.   L’universo senza di te è un orologio fermo, geometria divisa d’ambiguità cosparsa.   05.04.2013 Ciro Sorrentino Share



DI FRENETICO DELIRIO MORTI dalla raccolta “A Sylvia Plath”

Sarà incredibile ritrovarsi nel silenzio del buio, rivedere tutta la vita che scivola via dalla storia degli uomini…   Sorrideranno i nostri occhi, le mie e le tue mani si fonderanno nell’arco che infiniti universi scaglierà in roteante fuoco.   Guarda! Ci priverà il tempo dei nostri corpi, con il suo artiglio prepotente e curioso, […]



Una vita stramba

  Una vita stramba    Io vorrei scrivere basta con il corvino tono sui muri rozzi e scorticati, ma come fare se di pensieri e rincrescimenti poi vivrei.   A che serve affastellare i quieti desideri e poi vociare aiuto aiuto, il vento non spiffera, chi udrà i miei rammarichi e dolenze.   Che spasmo […]



Che folli pensieri confusi.

  Che folli pensieri confusi.   Con deferenza ascolto l’arguto presagio di un addio ma addio non è, son fuori dal percorso di una qualsiasi vita e sfoglio, sfoglio grovigli di libri, leggo pergamene avvolte, e poeti tristi e felici, ma poeti.   Dio mio quanto dolore, guardo nello specchio, che folle idea son ignoto […]